/A giugno la nuova Conferenza regionale della caccia. È partito il percorso di preparazione

A giugno la nuova Conferenza regionale della caccia. È partito il percorso di preparazione

2019-04-08T16:04:29+02:005 Aprile 2019|Dalla Regione|

E partito il percorso, con la prima riunione organizzativa ospitata negli uffici dell’assessorato regionale all’agricoltura, che porterà il 28 e 29 giugno prossimi alla Conferenza regionale della caccia in Toscana, a dieci anni esatti dalla precedente edizione

L’assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi sottolinea il valore dell’appuntamento, che costituirà un’occasione durante la quale rappresentati istituzionali, del mondo venatorio, delle organizzazioni professionali agricole, della protezione ambientale ed esperti di gestione faunistica si confronteranno cercando di analizzare dai vari punti di vista la situazione attuale dell’ecosistema toscano, con le sue peculiarità ambientali, le opportunità e le criticità emerse negli ultimi anni, cercando di affrontare il tema a 360 gradi e lavorando concordemente, auspica l’assessore, ad un nuovo modello di gestione adatto alle mutate condizioni ambientali e socioeconomiche del nostro territorio.

La conferenza consentirà di affrontare in modo costruttivo e aperto tutte le tematiche, anche le più calde, che coinvolgono il mondo venatorio. Si parlerà del rapporto tra ungulati ed agricoltura, naturalmente, cercando di comprendere, al termine del triennio di validità della legge ungulati approvata nel 2016 e scaduta nel febbraio scorso, quali ne siano stati gli esiti e quali provvedimenti adottare per affrontare al meglio nei prossimi anni le criticità ancora presenti sul territorio toscano.

— PUBBLICITÀ —

Si discuterà anche del nuovo piano faunistico regionale, il cui procedimento si avvierà nei prossimi giorni e del futuro calendario venatorio, ma soprattutto su come poter garantire una efficace gestione della fauna e del territorio al fine di recuperare gli equilibri ambientali caratteristici della Toscana, indispensabili non solo per il benessere delle popolazioni di fauna stanziale, ma anche per garantire una migliore sintonia tra natura e attività umane, agricoltura in primis, con la convinzione che la convivenza armoniosa tra cacciatori e agricoltori non solo sia auspicabile, ma in molti casi indispensabile alla sopravvivenza di entrambe.

Per affrontare al meglio la discussione prenderanno a breve il via alcuni gruppi di lavoro tematici, costituiti dai rappresentanti del mondo venatorio, agricolo e di protezione ambientale, al fine di poter inquadrare al meglio le singole questioni e consentire alla Conferenza di poter esprime una serie di proposte, sia relative alle competenze regionali che da sottoporre ai tavoli nazionali – Conferenza delle Regioni e Governo – al fine di adeguare l’impianto normativo in materia di gestione faunistico venatorio, in particolare la legge 157/92 che oggi non pare più rispondere all’esigenza di un corretto e armonioso sviluppo del territorio.

Iscriviti alla Newsletter
di Dimensione Agricoltura

L'email servirà soltanto per l'invio della newsletter periodica.
Consulta la nostra politica della privacy
.
ISCRIVITI!
close-link

Pin It on Pinterest

X