Sono stati prorogati i termini per consentire alle imprese del settore agricolo e agroalimentare di accedere ai prestiti garantiti dal Fei, Fondo europeo per gli investimenti, braccio operativo dell’Ue, per favorire l’accesso al credito alle micro, piccole e medie imprese.

Soddisfazione della Cia Toscana, che già nei mesi scorsi – visto il protrarsi dell’emergenza coronavirus – aveva chiesto un provvedimento per venire incontro alle esigenze delle aziende agricole.

Con un proprio atto, presentato dalla vicepresidente e assessora all’agroalimentare Stefania Saccardi, la giunta regionale ha infatti preso atto della modifica apportata all’Accordo di finanziamento stipulato a suo tempo tra Fei e Regione Toscana nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020, in forza del quale si estende al 30 settembre 2022 la possibilità di fornire liquidità alle aziende.

«Interveniamo ancora – spiega la vicepresidente Saccardi – per consentire all’imprenditoria agricola toscana di fronteggiare gli effetti della lunga emergenza pandemica. È fondamentale, di fronte alla prospettiva concreta e auspicata della ripartenza economica, limitare al massimo il rischio di sofferenze finanziare per le nostre aziende».