/Allevamento api. L’Efsa conferma i rischi legati all’uso di alcuni pesticidi neonicotinoidi

Allevamento api. L’Efsa conferma i rischi legati all’uso di alcuni pesticidi neonicotinoidi

2018-03-02T13:01:07+01:002 Marzo 2018|Tecnica e impresa|

L’autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) conferma i rischi per le api da miele, selvatiche e solitarie, derivanti dall’impiego di tre pesticidi della classe dei neonicotinoidi.

Il parere di Efsa in materia era atteso affinché Stati e Commissione Ue potessero esprimersi sul divieto totale di questi principi attivi molto usati in agricoltura.

L’Autorità ha aggiornato le proprie valutazioni del rischio relative a tre neonicotinoidiclothianidin, imidacloprid e thiamethoxam, che sono attualmente soggetti a restrizioni nell’UE a causa della minaccia che rappresentano per le api. Queste nuove conclusioni vanno ad aggiornare quelle pubblicate nel 2013.

Per le nuove valutazioni, l’Unità “Pesticidi” dell’EFSA ha effettuato un’estesa attività di raccolta dati, per raccogliere tutte le evidenze pubblicate dopo le valutazioni precedenti.

Le conclusioni dell’EFSA saranno messe a disposizione della Commissione europea e degli Stati membri, che prenderanno in considerazione eventuali modifiche alle attuali restrizioni sull’uso di questi pesticidi.

Iscriviti alla Newsletter
di Dimensione Agricoltura

L'email servirà soltanto per l'invio della newsletter periodica.
Consulta la nostra politica della privacy
.
ISCRIVITI!
close-link

Pin It on Pinterest

X