La nota della ministra in occasione dell’iniziativa. Multifunzionalità chiave di volta

Sono convinta che il turismo verde e l’agricoltura multifunzionale siano importanti per ripensare le aree interne e invertire la tendenza all’abbandono che ha reso più fragili intere porzioni del nostro territorio. Quelle aree, per decenni, hanno rappresentato in gran parte il cuore agricolo del nostro Paese e oggi ci lanciano una sfida: ripensarle in un’ottica di cura dei luoghi, tutela del paesaggio, nuova agricoltura, nuova economiaPerché accada, devono divenire centrali nella strategia di futuro che ci diamo come sistema Paese, e possono essere una scommessa importante anche per l’occupazione femminile e le nuove generazioni. Bene ha fatto Turismo Verde-Cia a metterle al centro dell’Assemblea nazionale che ha scelto di darsi come tema il rilancio delle aree interne, l’agriturismo, l’agricoltura multifunzionale”.

Così la ministra delle Politiche agricole, Teresa Bellanova, in occasione dell’assemblea annuale di Turismo Verde, l’associazione agrituristica di Cia Agricoltori Italiani.

“Non a caso -ha sottolineato Bellanova- proprio il tema delle aree interne è presente in modo significativo nella nostra Strategia nazionale per il sistema agricolo, agroalimentare, forestale, della pesca e dell’acquacoltura e assume come obiettivi la resilienza e la vitalità dei territori rurali, per un lavoro condiviso con altri Ministeri sullo specifico dei borghi rurali e sulla banda larga in tutte le aree, comprese quelle a fallimento di mercato. Sostenibilità, tutela dell’ambiente, salvaguardia del paesaggio e della biodiversità, cultura dei luoghi possono tutti essere elementi fondanti un progetto di futuro in cui settore agricolo e filiera alimentare possono e devono giocare un ruolo determinante. Migliorare la vita delle comunità e garantire un futuro alle nuove generazioni -ha concluso la ministra- passa anche da qui”.