Serve Piano straordinario per agricoltura Ue con misure e risorse finanziarie adeguate all’emergenza

Erogare già da subito liquidità alle aziende dei settori che stanno vivendo situazioni tragiche, anche con provvedimenti nazionali, garantiti da interventi Ue. È questa la richiesta prioritaria di Cia Agricoltori Italiani a margine del Consiglio Agricoltura di Bruxelles di venerdì scorso.

Occorre – aggiunge Cia – massima flessibilità e proroghe, anticipo dei pagamenti per il 2020 e redistribuzione degli arretrati della Pac, revisione dei piani di sviluppo e definizione di un Piano Ue per l’Agricoltura, con misure straordinarie per la tenuta dell’agricoltura in questa fase emergenziale.

Cia, infatti, pur riconoscendo il valore e la necessità delle azioni già previste dall’Ue, ritiene che queste non potranno bastare, nel breve come nel lungo periodo, sia che si tratti della flessibilità degli aiuti di Stato, della proroga per le domande Pac, come delle “corsie verdi” per garantire il mercato unico. Serve, piuttosto, quel coraggio richiesto anche dalla Ministra per le Politiche agricole, alimentari e forestali, Teresa Bellanova, necessario a realizzare un piano d’azione straordinario, attivando una strategia d’intervento comune e strumenti eccezionali extra Pac.

L’Unione Europea conceda, quindi, la massima flessibilità, superando ogni limite normativo che ostacoli la rapida fruizione delle risorse per gli agricoltori. Occorre elasticità nei controlli così da consentire nell’immediato l’anticipo dei pagamenti per il 2020 e deroghe utili a rendere disponibili nuove risorse.

Quello che Cia, inoltre, propone è lo studio e l’attuazione di un regolamento Covid-19, quale nuovo testo normativo che includa tutte le misure straordinarie e le risorse finanziarie necessarie alla sopravvivenza del settore agricolo e agroalimentare, nonché a dare continuità e stabilità ai mercati.

Non da ultimo, resta fondamentale per Cia garantire la libera circolazione dei beni essenziali per la produzione come dei lavoratori agricoli, perché non si acuisca il già serio problema della carenza di manodopera specializzata nei campi.

“L’agricoltura e l’agroalimentare come tutti i comparti produttivi -dichiara il presidente nazionale di Cia, Dino Scanavino- stanno rischiando una crisi devastante. Occorre da parte dell’Europa e di tutti gli Stati membri, una forte azione congiunta per salvaguardare il sistema produttivo, la salubrità e la genuinità dei prodotti e ovviamente il reddito degli agricoltori per poi condurli oltre l’emergenza”.