Per il presidente Dino Scanavino il sostegno all’Horeca è essenziale al rilancio dell’agroalimentare post Covid 

Positivo il sostegno al canale dell’Horeca (ristoranti, bar, mense, hotel)  attraverso un bonus alle imprese della ristorazione che acquistano prodotto Made in Italy al 100%. E’ questo il commento di Cia-Agricoltori Italiani all’annuncio della ministra Bellanova sulle misure, contenute nel Dl agosto, a favore di un settore chiave per il rilancio post Covid 19. Lo stop imposto al “fuori casa” durante il lockdown ha, infatti, avuto ricadute negative sull’agroalimentare nazionale con perdite di almeno 2 miliardi, in un Paese in cui circa un terzo dei consumi alimentari viene realizzato fuori dalle mura domestiche.

“Il forte rallentamento del turismo e la contrazione dei consumi durante la pandemia hanno rischiato di compromettere un comparto essenziale della nostra economia, che è anche un elemento imprescindibile della reputazione del Paese –commenta il presidente Cia Dino Scanavino-. Cia ha sempre sostenuto la necessità di legare il consumo di Made in Italy all’Horeca, con vari emendamenti agli interventi legislativi che si sono succeduti durante il lockdown. Siamo, dunque, soddisfatti che le nostre proposte trovino esito nel Dl Agosto, con la certezza che gli incentivi portino ossigeno anche alle tante piccole e medie imprese agricole che hanno come unico sbocco commerciale le attività legate al consumo di cibo fuori casa. Il provvedimento rappresenta, infatti, un concreto aiuto a quei produttori che non hanno lesinato sforzi per garantire cibo fresco e sano ai cittadini in questi difficili mesi di crisi”.


Fonte: Cia nazionale