Lo studio del Centro comune di ricerca della Commissione europea presso l’Ispra

La Xylella può essere rilevata prima che compaiano i sintomi grazie ad un particolare tipo di analisi delle immagini rilevate da aerei o droni. A sostenerlo -come riportato da ANSA AgriUE– il Centro comune di ricerca della Commissione europea presso l’Ispra e pubblicato sulla rivista Nature Plants, con cui sono stati fotografati oltre 7.000 ulivi da un piccolo aereo.

Ciò è possibile utilizzando una macchina che cattura immagini in tutte le lunghezze d’onda dello spettro elettromagnetico, e unendo l’analisi delle immagini termiche dei campi. I ricercatori guidati da Pablo Zarco-Tejada hanno scoperto che gli effetti dell’infezione da Xylella possono essere rilevati anche a distanza, prima che i sintomi diventino visibili. Sarebbe dunque possibile mappare in modo rapido e accurato uliveti interi, usando aerei o droni.