/Etichettatura prodotti alimentari: pubblicato il Decreto sulle sanzioni

Etichettatura prodotti alimentari: pubblicato il Decreto sulle sanzioni

2018-05-09T11:51:19+02:007 Marzo 2018|Tecnica e impresa|

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il “Decreto Sanzioni” per la violazione delle disposizioni del regolamento (UE) n. 1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori. Il decreto legislativo 231/2017 entrerà in vigore il 9 maggio.

Gli alimenti immessi sul mercato o etichettati prima del 9 maggio non conformi al nuovo decreto, possono essere commercializzati fino all’esaurimento delle scorte; l’Autorità preposta per irrogare le sanzioni amministrative previste è l’Ispettorato centrale della tutela e della qualità e Repressioni frodi dei prodotti agroalimentari.

— PUBBLICITÀ —

Sono stabilite sanzioni sulla violazione degli obblighi informativi riguardanti le informazioni obbligatorie sugli alimenti pre-imballati, sulla denominazione dell’alimento, sui requisiti per l’indicazione degli allergeni, sull’elenco degli ingredienti, sull’indicazione quantitativa degli ingredienti e l’indicazione della quantità netta, sul termine minimo di conservazione, la data di scadenza e la data di congelamento, sull’indicazione del paese di origine o il luogo di provenienza, sulle dichiarazioni nutrizionali.

Infine, fornisce regole e definisce sanzioni riguardanti le indicazioni necessarie per identificare il lotto o partita a cui appartiene una derrata alimentare e riguardo le modalità di vendita di alimenti non pre-imballati e, in caso di vendita tramite distributori automatici o in locali automatizzati, le indicazioni da riportare sui distributori di alimenti e su ciascun prodotto.

La norma inoltre, identifica come “soggetto responsabile” l’operatore del settore alimentare con il cui nome o con la cui ragione sociale viene commercializzato il prodotto e, altra novità di rilievo, riguardo la disciplina sanzionatoria per la violazione delle pratiche leali di informazione (di cui all’articolo 7 del regolamento 1169/2011) prevede l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 3.000 euro a 24.000 euro.

Iscriviti alla Newsletter
di Dimensione Agricoltura

L'email servirà soltanto per l'invio della newsletter periodica.
Consulta la nostra politica della privacy
.
ISCRIVITI!
close-link

Pin It on Pinterest

X