Il 20 maggio, ogni anno, le celebrazioni per sensibilizzare sull’importanza degli impollinatori

Si celebra oggi, come ogni 20 maggio, la Giornata mondiale delle api, istituita dalla Fao per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza degli insetti impollinatori, sulle minacce che affrontano a partire dai cambiamenti climatici, sul loro contributo allo sviluppo sostenibile.

Secondo l’ultimo censimento 2021 in Italia ci sono quasi 2 milioni di famiglie di api. Il servizio di impollinazione delle aree agricole italiane vale circa 3 miliardi di euro l’anno e circa il 70% delle 115 principali colture agrarie mondiali beneficia dell’impollinazione animale. In Europa la produzione di circa l’80% delle 264 specie coltivate, dipende dall’attività degli insetti impollinatori.

Tuttavia, distruzione, degradazione e frammentazione degli habitat, inquinamento e climate change ne comprometto ogni giorno la sopravvivenza, mettendo a rischio tutta l’agricoltura.

Una funzione insostituibile quella delle api, soprattutto in Italia, dove quasi 70.000 apicoltori, ricorda Cia, curano ogni giorno 1,6 milioni di alveari sparsi nelle campagne nazionali, salvaguardando la biodiversità e mantenendo le tante varietà di mieli locali.