È stato firmato il 25 agosto 2020, alla Farnesina, l’Addendum al protocollo per l’esportazione di kiwi italiani in Cina, che semplifica e velocizza le operazioni di esportazione dei kiwi nazionali verso questo importante mercato.

L’occasione della firma è stata fornita dalla visita della delegazione cinese guidata dal Ministro degli Esteri Wang Yi, giunta in visita a Roma nel quadro di un tour europeo che la porterà successivamente nei Paesi Bassi, in Norvegia, in Germania e infine in Francia.

Con la firma del documento, da parte del direttore del Servizio fitosanitario centrale B.C. Faraglia e dell’Ambasciatore cinese in Italia Li Junhua, i due paesi condividono la possibilità di ridurre i tempi di soddisfacimento dei requisiti per l’esportazione di kiwi, così come ampiamente richiesto dai nostri operatori del settore, completando il Protocollo sui requisiti fitosanitari per l’esportazione di kiwi dall’Italia alla Cina, firmato nel 2009.

In particolare, l’intesa tecnica estende le possibilità di effettuazione del trattamento a freddo contro gli organismi nocivi, necessario per consentire l’esportazione, non solo in magazzino prima della spedizione ma anche durante il viaggio in nave, riducendo di almeno due settimane i tempi necessari, nonché semplificando le procedure di certificazione.