La rivoluzione digitale ha avuto un profondo impatto sul modo in cui oggi la storia e la geografia vengono studiate, analizzate, condivise, insegnate, oltre che sul modo in cui le fonti che documentano i fenomeni del passato, del vicino e del lontano, vengono pubblicate, conservate e prodotte

I nuovi mondi digitali se da un lato hanno allargato a dismisura il bacino dei creatori di storia e di visioni geografiche rendendo virtualmente ognuno di noi capace di contribuire alla raccolta, all’interpretazione e alla lettura del passato, del presente, dei luoghi, dall’altro hanno reso sempre più necessario un forte e rinnovato impegno ‘pubblico’ di chi conosce il metodo di analisi delle fonti e di lettura geografica dei fenomeni.

Il progetto “Passaggi & Paesaggi” intende dunque ridurre le distanze tra il contenuto specialistico della Biblioteca Archivio Emilio Sereni, il pensiero e l’azione dello studioso, i suoi scritti sul paesaggio, sull’agricoltura, sulle lotte per la terra, e le trasformazioni nelle campagne che avvengono nell’oggi.

— PUBBLICITÀ —

11 brevi video trasmessi a cadenza quindicinale sui nostri canali social che, attraverso la voce di docenti universitari e studiosi, ci parlano del paesaggio come patrimonio culturale, del paesaggio come bene comune, valore e memoria, con l’obiettivo di comunicare e divulgare i risultati delle ricerche con un linguaggio accessibile attraverso lo strumento del canale YouTube dell’Istituto Alcide Cervi.


Ecco il contributo video “Le trasformazioni del paesaggio in età contemporanea” di Rossano Pazzagli, docente all’Università del Molise e direttore della Scuola di paesaggio “E. Sereni” (video a cura di Caterina De Nisco, illustratrice, e Michele Alinovi, videomaker).

Altre informazioni e video su: http://www.istitutocervi.it/2019/11/18/passaggipaesaggi/