di Stefano Berti


La crisi della rappresentanza investe ormai tutti i soggetti intermedi. Colpisce i partiti, i sindacati e anche le associazioni di categoria come la Cia. In questa fase di rinnovamento ci siamo posti perciò l’obiettivo di attivare una fase di ascolto con gli agricoltori cercando di recepire quelle che sono le loro aspettative, le critiche e anche le proposte per provare a modellare una nuova associazione la più possibile vicina alle loro aspettative e funzionale alle proprie esigenze, sia politico sindacali che nell’erogazione di servizi e consulenze.

Abbiamo chiesto la collaborazione dell’Università di Pisa che ha predisposto un’intervista alla quale si può rispondere semplicemente ed in forma anonima collegandosi a questo link: www.tinyurl.com/cia-unipi

L’intervista si apre con questa presentazione:

“Il presente questionario è finalizzato alla realizzazione di un’indagine che verrà discussa nella prossima assemblea della CIA. Le sue risposte saranno molto importanti ai fini della costruzione di un’organizzazione in grado di rispondere ai bisogni delle aziende del settore”.

L’intervista è completamente anonima, semplice da compilare anche se tratta di argomenti molto complessi. Da quelli più attinenti la parte dei servizi di assistenza e consulenza erogati dal sistema delle associazioni, agli aspetti di carattere politico sindacale. Chiediamo di collaborare alla buona riuscita di questo progetto compilando l’intervista e di promuovendola anche verso altri colleghi agricoltori.

Le risultanze di questo importante lavoro saranno oggetto di uno studio del Professor Gianluca Brunori dell’Università di Pisa che sarà presentato nella prossima assemblea Cia.