15 giugno 2017 – Nell’arco di due mesi si sono svolti due interessanti incontri nell’ambito del Progetto europeo facente parte del Programma Erasmus+, Rurality: riconoscimento e validazione di competenze trasversali per lo sviluppo rurale comunitario.

Il primo di questi incontri si è svolto a Nitra in Slovacchia dal 27 al 28 aprile scorsi presso il locale Istituto Agrario (Agroistitut) che è partner del Progetto insieme a Cia Toscana. In questo incontro si è programmata l’attività finale del progetto che si concluderà il 31 di agosto.Ben più complessa e intensa è stata quella che si è svolta dal 15 al 19 maggio a Pola de Gordon, borgo rurale di ex minatori, vicino a Leon in Spagna. Infatti si è trattato di un evento di formazione a breve termine del personale congiunto.

Lo staff che segue e seguirà il progetto era composto da Enrico Vacirca, Francesco Sassoli e Daniela Chironi del sistema Cia Toscana, Carlo Chiostri dell’Accademia dei Georgofili e Mirta Sutter del GAL Momtagnappennino. Ogni partner ha esposto il modulo di formazione che gli era stato assegnato e lo staff ne ha effettuata la validazione.

Il meeting è stato organizzato dalla Fundación Riserva Biosfera Alto Bernesga che è il capofila del Progetto e da ADESPER, ambedue partner spagnoli. Oltre alla Cia ed ad Agroinstitut, hanno esposto il loro modulo CoraNE del Portogallo ed Infocenter della Bulgaria. Erano assenti i partner turchi di Gaziosmanpasa Università per ragioni legati alla situazione politica del loro paese.

Oltre alla validazione dei moduli per la realizzazione di un corso per “agente di sviluppo della comunità rurale” sono state effettuate delle visite in aziende agroalimentari della zona, che dopo, l’abbandono delle miniere, sono il fulcro su cui la comunità locale punta per lo sviluppo del territorio. Territorio che fa parte di un parco, quello dell’Alto Bernesga, riconosciuto come Biosfera dall’UNESCO.

Importante è stato anche il convegno dal titolo “Investigación, Desarrollo e innovación en el Medio Rural: sector agroalimentario” (Ricerca, sviluppo e innovazione nelle zone rurali: settore agroalimentare) tenutosi il 18 maggio a cui hanno partecipato, oltre ai partner del Progetto, varie istituzioni locali e regionali.


Tratto da Dimensione Agricoltura n. 6/2017