Considerato che per gran parte del territorio regionale si sono ripristinate condizioni di alto rischio per lo sviluppo di incendi boschivi legate in particolare agli effetti prodotti dal perdurare di condizioni meteo climatiche caratterizzate da scarse precipitazioni pregresse e presenza di ventilazione proveniente dai quadranti orientali/settentrionali con conseguente bassa umidità relativa dell’aria.”

È la motivazione alla base del Decreto n. 19107, di oggi 7 settembre, che istituisce un periodo a rischio per lo sviluppo di incendi boschivi, di cui al Regolamento forestale della Toscana n. 48/2003, su tutto il territorio regionale a partire dal 9 settembre e fino al 24 settembre 2023 compresi.

Abbruciamenti vietati almeno fino al 24 settembre quindi, anche perché la tendenza meteo a medio termine (elaborata dal Consorzio LaMMA) fornisce indicazioni sul probabile innalzamento degli attuali livelli di rischio in tutta la Regione – si legge nel decreto – dovuto all’instaurarsi di condizioni meteo caratterizzate da alta pressione con bassa probabilità di precipitazione e presenza di bassi tassi di umidità relativa dell’aria.

SCARICA IL DECRETO IN PDF

L’ATTO SUL SITO DELLA REGIONE, CLICCA QUI

Questa decisione sospende quindi la riapertura del periodo in cui gli abbruciamenti erano consentiti, iniziato il 1° settembre scorso.