/Riso: Cia, Ue ripristini dazi su import da Cambogia e Birmania

Riso: Cia, Ue ripristini dazi su import da Cambogia e Birmania

2018-12-04T09:54:59+00:003 Dicembre 2018|Cia nazionale|

Il Comitato europeo che decide domani a Bruxelles applichi finalmente clausola di salvaguardia riportando i dazi a 175 euro a tonnellata sia per il primo anno che per i successivi

L’Ue ripristini finalmente i dazi sulle importazioni di riso da Cambogia e Birmania. Questa l’appello di Cia-Agricoltori Italiani, in vista della riunione del Comitato europeo che domani a Bruxelles deciderà sulla questione.

Dopo anni di denunce e mobilitazioni da parte dei risicoltori italiani e europei -spiega Cia- la Commissione Ue ha riconosciuto il pesante impatto delle importazioni a dazio zero di riso dai Paesi del Sud-Est asiatico. Il flusso enorme di riso entrato in Europa a prezzi troppo bassi ha portato, infatti, a una sorta di concorrenza sleale che ha strozzato i nostri agricoltori -ricorda Cia-. L’Italia resta il primo Paese produttore di riso comunitario, con circa 230.000 ettari seminati e una produzione stabilmente superiore al milione e mezzo di tonnellate.

Ci aspettiamo, dunque, che domani il Comitato prenda atto del lavoro della Commissioneapplicando la clausola di salvaguardia e provvedendo, quindi, al ripristino dei dazi, decisi a 175 euro a tonnellata, non solo per il primo anno ma anche per gli anni successivi.

Iscriviti alla Newsletter
di Dimensione Agricoltura

L'email servirà soltanto per l'invio della newsletter periodica.
Consulta la nostra politica della privacy
.
ISCRIVITI!
close-link

Pin It on Pinterest

X