/Spesa stranieri per cibo Made in Italy +70%

Spesa stranieri per cibo Made in Italy +70%

2018-11-21T07:50:41+00:0021 Novembre 2018|Cia nazionale, Dimensione Agricoltura|

Osservatorio ENIT, enogastronomia traina turismo

Gli stranieri non vivono senza il cibo Made in Italy. Negli ultimi quattro anni, la spesa dei turisti in vacanza nel Belpaese per l’enogastronomia nazionale è salita del 70%, passando dai 131 milioni del 2013 ai 223 milioni del 2017.

La nuova conferma arriva dall’Osservatorio ad hoc di ENIT, l’Agenzia nazionale del turismo, ripreso dal Sole24Ore. Secondo il report, un turista su quattro in Italia è mosso da interessi enogastronomici (22,3% dei turisti italiani e 29,9% degli stranieri) e, anche in termini di spesa pro capite, un viaggiatore straniero spende in media 149,9 euro al giorno per una vacanza gourmet nel Belpaese rispetto a una culturale (128,7 euro) o sportiva (122,9 euro).

Quanto alle nazioni che spendono di più per il cibo in Italia, ci sono gli Stati Uniti (45,5 milioni di euro), Regno Unito (25,4 milioni), Austria (18,7), Svizzera (17), Francia (16,5), Canada (11,6), Brasile (11,5), Germania (10), Danimarca (8,1), Belgio (7,2).

Molto bene vanno anche gli agriturismi tricolori, con un aumento delle aziende che offrono ospitalità in campagna superiore al 3% solo nell’ultimo anno.


Fonte: Cia nazionale

Iscriviti alla Newsletter
di Dimensione Agricoltura

L'email servirà soltanto per l'invio della newsletter periodica.
Consulta la nostra politica della privacy
.
ISCRIVITI!
close-link

Pin It on Pinterest

X