Al lavoro gli Atenei di Firenze, Pisa e Siena per offrire il loro contributo

Prosegue con il coinvolgimento delle tre Univeristà della Toscana il percorso per la costruzione della “Strategia regionale per la sostenibilità” in attuazione della agenda 2030 dell’Onu.

Dopo la prima fase che ha visto coinvolta la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa sulla definzione del rapporto di posizionamento cioè dell’analisi dei principali indicatori di sostenibilità della nostra regione, arriva adesso il momento degli approfondimenti scientifici volti a individuare le principali linee di azione che la Toscana dovrà attuare per raggiungere l’obiettivo di una sostenibilità dello sviluppo al 2030.

— PUBBLICITÀ —

La scelta operata dalla Toscana è stata quella di coinvolgere in questo percorso le tre università, puntando e valorizzando le risorse e le grandi competenze che gli stessi atenei toscani possono esprimere.

Sono stati quindi sottoscritti tre accordi di collaborazione scientifica e ogni Università svilupperà un particolare tema secondo le sue principali vocazioni: tecnologie per le smart cities, turismo e mobilità sostenibile l’Università di Firenze, percorso per sconfiggere la fame anche in relazione con il settore agroalimentare l’Università di Siena e la predisposizione di un progetto per il consumo e la produzione responsabili l’Università di Pisa.

Il percorso si concluderà a settembre, quando seguirà un momento di sintesi di quanto emerso che, assiene al percorso di patecipazione che parallelamente è stato avviato con le attività del forum e che ha visto al lavoro cittadini, associazioni, scuole, arriverà alla redazione della strategia regionale di sostenibilità che sarà la sintesi tra gli elaborati del mondo accademico e le istanze espresse dalla società civile.