Gelate anche a Montalcino, con effetti in vigna a macchia di leopardo.

«Questa mattina all’alba – ha detto il presidente del Consorzio del vino Brunello di Montalcino, Fabrizio Bindocci – la temperatura è scesa sotto lo zero ma i danni sono limitati: buona parte delle gemme sono ancora dormienti e per le altre ci affidiamo a una seconda germogliazione. Il danno c’è stato – ha concluso – ma la seconda vegetazione rimetterà in parte le cose a posto».

Nel frattempo, da ieri sera diversi produttori si sono adoperati per scaldare l’aria bruciando grandi rotoli di paglia posizionati nei vigneti (vedi foto). L’obiettivo è generare fumo e calore a bassa altezza bruciando lentamente la paglia bagnata.

Il risultato visivo è suggestivo, quello sui vigneti lo si scoprirà tra qualche giorno.