Disposizioni in merito all’intensificazione del prelievo degli ungulati in area non vocata ed in aree problematiche per danneggiamento delle produzioni agricole

Con la delibera 84/2019 l’ATC FI 5 Firenze Sud si propone quale soggetto che promuove presso i cacciatori che esercitano la caccia selezione alle diverse specie di ungulati, l’effettuazione di uscite di caccia per venire incontro alla soluzione delle problematiche inerenti il danneggiamento delle produzioni agricole, in base a segnalazioni pervenute legate alla presenza di tali specie, anche tramite il proprio sistema di prenotazione o altra segnalazione da parte degli imprenditori agricoli.

Attraverso la collaborazione dei referenti comunali e dei responsabili di distretto/comprensorio, l’ATC provvederà ad orientare l’azione dei cacciatori che, in sede di iscrizione hanno manifestato la loro disponibilità a questo tipo di iniziativa, intensificando il prelievo nelle aree segnalate tramite il sistema di prenotazione delle uscite di caccia di selezione.

— PUBBLICITÀ —

La ripartizione del proprio territorio in settori di prelievo identico a quello adottato per il controllo da parte della Polizia Provinciale potrebbe consentire in futuro una positiva sinergia tra le azioni di queste due metodologie di intervento.

L’ATC promuove l’azione dei cacciatori nel cercare di intensificare il prelievo nelle aree segnalate, tenendo conto che essi sono personale che opera in maniera volontaria e che i prelievi si devono effettuare in orari (da 1 ora prima dell’alba ad 1 ora dopo il tramonto) ben prestabiliti, nelle aree nelle quali è consentito il prelievo venatorio con le modalità ed i periodi fissati dai vari provvedimenti di autorizzazione della Regione Toscana.

L’ATC si impegna, in caso di permanenza delle situazioni di difficoltà, a promuovere le azioni di controllo ai sensi dell’art. 37 della L.R. 3/94.

Per ulteriori info e i nomi dei referenti per comuni (zona Firenze Sud Chianti, Valdarno, Empolese, Valdelsa) ci si può rivolgere alle sedi di zona della Cia Toscana Centro.

Fonte: Cia Toscana Centro