L’associazione aderisce a #FridayForFutureRoma con Greta Thunberg

Il settore agricolo è quello che, più di tutti, subisce gli effetti dei cambiamenti climatici, ma è anche il più impegnato nel contrastarli, investendo su tecniche sostenibili e modello di produzione biologica. Così Anabio, l’Associazione dei produttori biologici di Cia-Agricoltori Italiani, confermando la sua adesione a #FridayForFutureRoma, la nuova manifestazione per il clima organizzata nella capitale il 19 aprile alla presenza di Greta Thunberg.

Il cambiamento climatico colpisce l’agricoltura, riduce le produzioni e mette a rischio la sicurezza alimentare e la disponibilità di acqua potabile in molti territori del pianeta, come l’area del Mediterraneo -ricorda Anabio Cia-. Il riscaldamento globale e l’incremento dei fenomeni meteorologici estremi provocano dissesto idrogeologico, siccità, salinizzazione delle aree costiere, variazioni degli agro-ecosistemi e diffusione di nuovi insetti dannosi. A questo si aggiunge l’incontrollata cementificazione dei terreni più fertili, l’inquinamento e la perdita di sostanza organica del suolo. Oggi si stima che oltre il 20% della superficie nazionale è a rischio desertificazione.

— PUBBLICITÀ —

Eppure è proprio la buona agricoltura quella che mitiga l’effetto serra, produce energie rinnovabili e ha un ruolo primario nell’assorbimento di anidride carbonica -spiega Anabio Cia-. Le tecniche agricole sostenibili, infatti, garantiscono produttività duratura, accrescono la fertilità dei suoli e salvaguardano la biodiversità.

Accrescere il tasso di sostanza organica nel terreno rappresenta il più importante sistema di assorbimento di carbonio sul nostro pianeta.

Con l’impegno dei giovani e il sostegno dei governi e della comunità scientifica, si può imprimere una svolta al ciclo del riscaldamento climatico. L’agricoltura bio -conclude Anabio Cia- vuole contribuire efficacemente alla mitigazione con il miglioramento delle attività zootecniche, lo stoccaggio di carbonio nel suolo e nella vegetazione, lo sviluppo del metodo biologico e di pratiche sempre più green.


Fonte: Cia nazionale