Forse ci siamo. Presto si insedieranno le Commissioni Tecniche istituite dalla Legge di Bilancio 2018, con l’obiettivo di studiare la gravosità delle occupazioni, ai fini di una diversificazione dell’età pensionabile ed una verifica della spesa pubblica per finalità previdenziali e assistenziali.

L’intervento del legislatore si è reso necessario dato che le Commissioni, seppure istituite nel 2018, non si sono mai insediate.

— PUBBLICITÀ —

Gli esperti che faranno parte delle Commissioni dovranno studiare la gravosità delle occupazioni lavorative, anche in relazione all’età anagrafica ed alle condizioni soggettive dei lavoratori e delle lavoratrici, tenuto conto anche dell’esposizione ambientale o diretta ad agenti patogeni.

Diventa quindi possibile il riconoscimento del lavoro autonomo agricolo quale attività gravosa, meritevole come tale, di termini di pensionamento diversi da quelli previsti per la generalità dei lavoratori. I tempi però non saranno brevi.

I lavori delle Commissioni si dovranno concludere entro la fine dell’anno, dopo di che le determinazioni del caso passeranno alla politica. Nei prossimi mesi la Confederazione, coadiuvata dai suoi istituti, presenterà le opportune e già raccolte osservazioni ai tecnici chiamati a comporre le commissioni. (Corrado Franci)


Tratto da Dimensione Agricoltura n. 1/2020

— PUBBLICITÀ —