“L’estensione al 2022 del Programma di sviluppo rurale rappresenta un’ottima notizia per l’agricoltura toscana. Ora è necessario avviare subito una concertazione fra Regione e organizzazioni agricole per dare in tempi rapidi supporti e sostegni concreti alle aziende agricole toscane”.

A sottolinearlo è Luca Brunelli, presidente Cia Agricoltori Italiani della Toscana in seguito alla comunicazione della Regione Toscana sulle novità del Programma di Sviluppo Rurale.

Il piano finanziario del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Toscana 2021-2022, – come ha comunicato la stessa Regione – potrà contare su oltre 342 milioni di euro di nuove risorse. Una dotazione che è il risultato dell’approvazione da parte della Commissione europea dell’estensione del Programma al 31 dicembre 2022.

Risorse che verranno utilizzate per lo scorrimento delle graduatorie di alcuni bandi; bandi delle misure a premio (10, 11, 13) già usciti ad aprile in forma condizionata; offrire nuove opportunità per il mondo agricolo, agroalimentare e forestale della Toscana, con l’uscita di nuovi bandi (da novembre 2021 a dicembre 2022); interventi in ambito Leader; altro (altri interventi in previsione per il 2022; trascinamenti relativi ad impegni pregressi; Misura 20: assistenza tecnica, comunicazione).

Da segnalare che, con l’obiettivo di velocizzare, in concomitanza all’uscita dei bandi sarà pubblicata sul sito di ARTEA la necessaria modulistica così da mettere i beneficiari nelle condizioni di avviare subito la procedura per accedere ai fondi.

Anche in questo caso – evidenzia la Cia Toscana – la parola chiave è concertazione, per dare le risposte che servono all’agricoltura toscana.


Cia Toscana – Comunicato stampa