Sabato 27 maggio (ore 10) a Greve in Chianti, all’azienda Fratelli Travaglini. Dal PSR della Regione Toscana un sostegno all’innovazione ed alle filiere

26 maggio 2017 – Spesso la migliore innovazione nasce da idee semplici, nate per dare risposte pratiche ai problemi. È il caso del “Cippatino” inventato e realizzato dall’azienda Fratelli Travaglini – a Greve in Chianti (Fi) – per poter fornire alle famiglie un combustibile legnoso che unisce massima efficienza energetica e facilità di gestione. Si tratta di chips di legno molto piccoli, in grado di sostituire il pellet negli impianti di riscaldamento domestico; le famiglie possono scaldarsi con un combustibile locale, prodotto dalle aziende agro-forestali, ad un prezzo concorrenziale rispetto al pellet.

La presentazione del progetto è in programma per domani, sabato 27 maggio (ore 10) – in località Torsoli nel comune di Greve in Chianti – all’azienda agricola F.lli Travaglini, dove sarà presentata la nuova piattaforma realizzata dall’azienda per la lavorazione del “cippatino”.  L’iniziativa è realizzata grazie al progetto di innovazione “Cippato&Cippatino”, nell’ambito dei progetti integrati di filiera co-finanziati dal Programma di Sviluppo Rurale della Regione Toscana. Il progetto si pone l’obiettivo di ottimizzare la filiera di produzione dei combustibili legnosi, migliorando la qualità dei prodotti e la loro tracciabilità, puntando a trasferire e replicare l’esperienza di produzione del cippato e del cippatino ad altre realtà imprenditoriali.

— PUBBLICITÀ —

La giornata sarà caratterizzata da presenze qualificate, tecniche ed istituzionali, a partire dal sindaco di Greve in Chianti, Paolo Sottani, e l’assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi. Sarà presente anche una delegazione inglese, composta dalla società “Grampus ltd” e dai partner del progetto Europeo “Pride”. Dopo gli interventi di apertura di Lorenzo Travaglini e degli ospiti, si entrerà nel vivo dell’illustrazione del progetto con gli interventi di Antonio Orlandini, imprenditore forestale e capofila del progetto, Claudio Fagarazzi del GESAAF-  Università di Firenze, e Raffaele Spinelli del Cnr Ivalsa. Seguirà la vera e propria inaugurazione della piattaforma, con una dimostrazione che consentirà di vedere l’intero processo di produzione del “Cippatino”.

L’iniziativa è realizzata nell’ambito del progetto Cippato & Cippatino, cofinanziato dalla misura 16.2 del PSr 2014-2020 della Regione Toscana, nel contesto del Progetto Integrato di Filiera “Dall’appennino al mare: energia toscana al 100%”.

Cia Toscana – Comunicato stampa 24/2017