/Sicurezza e contrasto allo spopolamento delle zone svantaggiate. Anp e Cia Toscana Nord incontrano il prefetto di Lucca

Sicurezza e contrasto allo spopolamento delle zone svantaggiate. Anp e Cia Toscana Nord incontrano il prefetto di Lucca

2019-07-04T18:51:17+02:004 Luglio 2019|Toscana Nord|

Il Prefetto si fa promotore dell’apertura di tavoli tematici per affrontare i problemi sollevati. Al centro dell’incontro di Cia e Anp Toscana Nord anche l’aumento delle pensioni minime

È stato un incontro all’insegna della concretezza, quello tra il nuovo Prefetto di Lucca, Leopoldo Falco e i rappresentanti della CIA Toscana Nord e dell’Associazione Pensionati, che si è svolto nella sede della Prefettura nei giorni scorsi.

Il presidente di CIA, Gian Piero Tartagni, il direttore Alberto Focacci e la Presidente dell’Anp-Cia Toscana Nord, Giovanna Landi sono stati ricevuti dal Prefetto al quale hanno rappresentato i principali problemi legati sia al mondo dell’agricoltura, sia inerenti la situazione dei pensionati sul nostro territorio.

— PUBBLICITÀ —

«Abbiamo riscontrato una profonda attenzione, rispetto e interesse per i problemi che abbiamo portato all’attenzione del Prefetto – dicono Tartagni e Landi – e abbiamo particolarmente apprezzato l’iniziativa partita dallo stesso dottor Falco di aprire dei tavoli tematici che portino all’individuazione delle soluzioni migliori per tali problematiche».

In particolare, Giovanna Landi ha consegnato al prefetto di Lucca il documento dell’Anp-Cia scaturito dall’assemblea nazionale che si è tenuta lo scorso aprile a Bologna. Tale documento individua alcuni punti fondamentali, come l’aumento degli assegni di pensione al minimo (circa 500 euro mensili); le modifiche alla ‘pensione di cittadinanza’ che attualmente prefigura ulteriori discriminazioni e diseguaglianze; una maggiore attenzione alle politiche sanitaria e di servizi sociali, soprattutto per le aree interne e rurali e il ruolo sociale dell’anziano, per il quale è necessaria una legge sull’invecchiamento attivo.

«Abbiamo trovato nel nuovo Prefetto di Lucca un interlocutore attento e interessato – sottolinea Giovanna Landi – che ha assicurato di farsi portavoce delle nostre istanze presso il Governo nonché di adoperarsi per l’istituzione di tavoli tematici che riguardino da vicino le esigenze del territorio, prime su tutte la sicurezza, fondamentale per gli anziani, ma importante a qualsiasi età e delle politiche che contrastino lo spopolamento delle zone montane e collinare del territorio, attraverso provvedimenti che incentivino l’apertura e la permanenza di attività commerciali in tali zone, ma anche la nascita e il radicamento di associazioni di volontariato che hanno un forte valore aggregativo e, quindi, di rafforzamento del senso di comunità».


Fonte: Cia Toscana Nord

Iscriviti alla Newsletter
di Dimensione Agricoltura

L'email servirà soltanto per l'invio della newsletter periodica.
Consulta la nostra politica della privacy
.
ISCRIVITI!
close-link

Pin It on Pinterest

X