I problemi dell’agricoltura collinare in provincia di Firenze. Se ne è parlato oggi a Pontassieve all’azienda agricola Torcicoda, di Fausto Burberi, in compagnia dell’assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi, che ha incontrato un gruppo di agricoltori della zona collinare sotto il Monte Giovi, in Val di Sieve.

Insieme a loro Lapo Somigli, vicepresidente e Lapo Baldini direttore Cia Toscana Centro.

«L’incontro con l’assessore Remaschi – commenta Lapo Baldini – è stato molto importante perché ha dato l’opportunità agli agricoltori di questa zona di alta collina, dove fare agricoltura è molto difficile e con costi di produzione molto più alti rispetto all’agricoltura di pianura, di poter esporre problematiche ed esigenze comuni a tutte le aziende agricole. Difficoltà che senza supporti, risorse e strumenti adeguati, scaturiscono spesso nell’abbandono delle attività agricole, con ripercussioni dirette molto gravi sul paesaggio e sulla tenuta idrogeologica del territorio».

Un incontro atteso anche perché mancano pochi mesi alle elezioni regionali: «È il momento delle valutazioni – ha aggiunto il direttore Baldini -. Di ciò che è stato fatto ed è necessario fare sui problemi che assillano le campagne di queste zone che rischiano il totale abbandono. Fauna selvatica, degrado ambientale, dissesto idrogeologico, solo per citare i macrotemi favoriti dallo spopolamento delle campagne».