/Biologico: le aziende Cia portano la qualità della Spesa in Campagna a Firenze Bio

Biologico: le aziende Cia portano la qualità della Spesa in Campagna a Firenze Bio

Aziende biologiche Cia rappresentano il 40% del bio in Toscana. Sabato 16 convegno Cia su “Realtà e prospettive nell’avicoltura biologica”

Cia Toscana presente a FirenzeBio, in programma a alla Fortezza da Basso di Firenze dal 15 al 17 marzo. Uno stand con le aziende agricole Cia, materiale informativo delle botteghe della Spesa in Campagna, dove ogni giorno della settimana, in tutta la Toscana, si possono trovare le migliori produzioni da agricoltura biologica.

Le aziende presenti a FirenzeBio con Cia Toscana sono: Birrificio Agricolo La Steccaia – Rapolano Terme (Si); Soc. Agr. Tenuta di Paganico – Paganico (Gr); Az. Agr. Grappi Luchino – Pienza (Si); Az. Agr. Saltapoggio – Fiesole (Fi); Az. Agr. Dolci Giuseppina – Monteleone di Spoleto (Pg).

— PUBBLICITÀ —

In Toscana sono presenti 4.494 aziende agricole biologiche fra cui 3.091 agricoltori (producono le materie prime) e 1.403 produttori e trasformatori (es. vino, confetture). Il 39,38% pari a 1.770 aziende, sono associate alla Cia Toscana, con Siena prima provincia con 538 aziende bio; Grosseto con 472, quindi Firenze a quota 225 e Arezzo con 200 aziende biologiche.

Realtà e prospettive nell’avicoltura biologica. Sabato 16 marzo (ore 9.30), si terrà a Firenze Bio il convegno di Cia Agricoltori Italiani e Anabio dal titolo “Realtà e prospettive nell’avicoltura biologica”. Il convegno sulle regole di produzione del pollame per il settore, con l’obiettivo di affrontare e superare i principali ostacoli all’allevamento dei polli da carne bio.

Il programma prenderà il via con i saluti di Filippo Legnaioli, vicepresidente Cia Toscana e di Federico Marchini, presidente Anabio-Cia. Dalle 9.40 le relazioni: “Atti delegati e attuativi in materia avicola del Reg. UE 848/2018” a cura di Angela Garofalo, responsabile settore Zootecnico Dipartimento Sviluppo Agroalimentare e Territorio Cia-Agricoltori Italiani; “Le proteine vegetali per la filiera avicola con il metodo biologico Il Progetto PROFILA” con l’intervento di Raffaele Zanoli, Università Politecnica delle Marche e “I Sistemi estensivi di allevamento del pollo biologico” di cui parlerà Cesare Castellini, Università di Perugia DSA3. Seguirà la presentazione di casi di successo come “Agroforestery” con Emma Di Filippo, Azienda Di Filippo e “Avicoltura industriale” con Massimo Fileni, Fileni Bio. Il dibattito si concluderà con l’intervento di Cristiano Fini, presidente Cia Emilia-Romagna.

Contesto. In occasione del Comitato Produzione Biologica (COP), che si è tenuto a Bruxelles, è stato presentato e discusso un atto esecutivo contenente le proposte formulate dalla Commissione sulle regole di produzione del Pollame (Allegato 3) relative al Reg 848/2018 per il settore biologico, che entrerà in vigore dal 1° gennaio 2021. La bozza di normativa è stata ridiscussa nell’ambito della COP del 30-31 gennaio – 1° febbraio 2019, durante la quale i rappresentanti degli Stati membri hanno accolto con favore la bozza, ma ugualmente evidenziato elementi tecnici che andavano ulteriormente chiariti. Cia-Agricoltori Italiani e la sua associazione per la promozione del biologico Anabio, hanno contribuito a formulare proposte in sede Copa-Cogeca in modo da poter definire le regole in grado di garantire la redditività degli allevamenti e la qualità delle produzioni.

Cia Toscana – Comunicato stampa 7/2019

Iscriviti alla Newsletter
di Dimensione Agricoltura

L'email servirà soltanto per l'invio della newsletter periodica.
Consulta la nostra politica della privacy
.
ISCRIVITI!
close-link

Pin It on Pinterest

X