Emergenza sanitaria. Accordo fra la Regione e le associazioni di categoria. Il direttore Cia Giordano Pascucci: «Attualmente i primi agriturismi coinvolti sono nelle province di Siena, Grosseto, Pisa, Arezzo e Livorno»

Sono stati messi a disposizione della Regione Toscana i primi dieci agriturismi della Cia Agricoltori della Toscana che saranno destinati ad ospitare persone affette da Coronavirus poco sintomatici o in via di guarigione. Grazie all’accordo stretto tra la Regione Toscana e le associazioni di categoria – ricorda la Cia regionale – gli agriturismi saranno in grado di garantire isolamento e cure in una situazione confortevole ma controllata; liberando posti letto negli ospedali senza far tornare nelle proprie abitazioni i pazienti prima della totale negativizzazione.

«Al momento – spiega il direttore di Cia Toscana, Giordano Pascucci – abbiamo comunicato alla Regione, la disponibilità di dieci strutture agrituristiche dislocate nelle province di Siena, Grosseto, Pisa, Arezzo e Livorno. Come Cia e singole aziende agricole in tutta la Toscana, facciamo il possibile per dare un contributo importante in questa fase di emergenza sanitaria; con gli agricoltori che non si fermano mai per garantire la produzione di alimenti e materie prime, ed adesso con la disponibilità delle strutture. Tutti insieme ce la dobbiamo fare».

In totale saranno almeno duemila i posti letto, distribuiti in varie zone della Toscana e ricavati dall’utilizzo di hotel, residence ed agriturismi attualmente vuoti, fa sapere una nota della Regione. Grazie a questo accordo sono stati definiti un contratto tipo e dei compensi standard per l’uso esclusivo da parte della Regione delle strutture ricettive per la gestione dell’emergenza Covid-19.

Le associazioni hanno verificato la disponibilità dei loro associati e la risposta del settore è stata positiva: le prime liste con i nominativi delle strutture pronte a mettersi a disposizione saranno trasmesse in serata alle Aziende sanitarie, che progressivamente prenderanno contatti con gli alberghi ritenuti più idonei (per numero di posti, localizzazione, tipologia di struttura) alle effettive necessità.

I pazienti ospitati nelle strutture recettive riconvertite saranno essenzialmente di tre tipi:

  1. persone in isolamento che non hanno, in casa, la possibilità di mantenere effettive distanze dai familiari conviventi;
  2. positivi al Coronavirus che non hanno sintomi o hanno sintomatologie non gravi;
  3. persone guarite dal Coronavirus che escono dal percorso ospedaliero ma non hanno ancora raggiunto la completa negativizzazione e dunque la guarigione virale.

Le strutture recettive destinate ad ospitare i malati di Coronavirus dovranno avere almeno 50 posti letto. Saranno utilizzate esclusivamente ed in toto dalla Regione fino alla fine dell’emergenza e sarà completamente evitata la promiscuità tra i pazienti ospitati e i normali villeggianti.

Cia Toscana – Comunicato stampa