/Il Paese che vogliamo. Emergenza ungulati: in 200 a Roma per ribadire le priorità dell’agricoltura toscana

Il Paese che vogliamo. Emergenza ungulati: in 200 a Roma per ribadire le priorità dell’agricoltura toscana

2018-12-04T10:07:37+00:0028 Novembre 2018|Comunicati stampa 2018|

Assemblea nazionale Cia, in programma a Roma, giovedì 29 novembre. Le emergenze della Cia saranno portate direttamente all’attenzione del ministro Centinaio che interverrà ai lavori

Saranno oltre 200 gli agricoltori provenienti dalla Toscana presenti giovedì 29 novembre a Roma all’assemblea nazionale della Cia Agricoltori Italiani, dal titolo “Il Paese che vogliamo”. L’evento annuale della Cia – al via ore 10, all’Auditorium della Conciliazione (via della Conciliazione 4) – metterà al centro del dibattito i temi del territorio, infrastrutture ed innovazione. Obiettivo definire un progetto di manutenzione del territorio nazionale, con gli agricoltori protagonisti, in un’ottica non più di emergenza ma di prevenzione, tutela e gestione delle calamità. Dal dissesto idrogeologico ai danni da maltempo e fauna selvatica.

Fra i temi, appunto, le politiche del territorio; gli interventi di manutenzione infrastrutturale e nuove e più incisive politiche di gestione della fauna selvatica. «La questione ungulati – anticipa la Cia Toscana – ha assunto una dimensione insostenibile; è urgente agire su più livelli per superare la logica emergenziale che oggi caratterizza la gestione della fauna selvatica. Sul piano generale e normativo il quadro di riferimento predisposto all’inizio degli anni ’90 è ormai obsoleto. Intanto bisogna parlare al posto di “tutela” di “corretta gestione”, di carichi sostenibili, di fauna selvatica nei diversi territori ed ambienti. E poi chiarire che l’attività venatoria non può rappresentare il principale e unico strumento per il contenimento preventivo delle specie in eccesso. Non si può demandare ad una categoria sportiva la gestione della fauna selvatica considerata, a norma di legge, ‘patrimonio indisponibile dello Stato’. Questi concetti e molti altri li ribadiremo direttamente al ministro Centinaio durante l’assemblea nazionale». Inoltre, saranno approfonditi i temi delle strategie politiche di sistema agroalimentare a forte vocazione territoriale; così come l’impatto ed il protagonismo degli Enti locali sul fronte della politica agricola comune; nonché le specifiche politiche d’integrazione all’interno delle aree interne del Paese.

I lavori dell’Assemblea Cia si articoleranno su due panel di discussione: “Una nuova governance per il territorio” e “Le politiche per l’economia e la società”. Dopo i saluti del vicepresidente nazionale Cia Mauro Di Zio, inizierà il dibattito vero e proprio moderato dal giornalista di La7 Andrea Pancani. Al primo panel interverranno: Nicola Alemanno, sindaco di Norcia; Angelo Borrelli, capo Dipartimento Protezione Civile; Barbara Saltamartini, presidente Commissione Attività Produttive della Camera; Armando Siri, sottosegretario di Stato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; Daniele Vaccarino, presidente Cna; Gianpaolo Vallardi, presidente Commissione Agricoltura del Senato.

Al secondo panel, parteciperanno invece: Antonio Decaro, presidente Anci; Filippo Gallinella, presidente Commissione Agricoltura della Camera; Antonio Gaudioso, segretario generale Cittadinanzattiva; Massimo Monti, amministratore delegato Alce Nero; Luigi Scordamaglia, presidente Federalimentare; Nicola Zingaretti, presidente Regione Lazio. Ai lavori dell’Assemblea interverrà il ministro delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio. Le conclusioni saranno affidate al presidente nazionale Cia Dino Scanavino.

Cia Toscana – Comunicato stampa 43/2018

Iscriviti alla Newsletter
di Dimensione Agricoltura

L'email servirà soltanto per l'invio della newsletter periodica.
Consulta la nostra politica della privacy
.
ISCRIVITI!
close-link

Pin It on Pinterest

X