/OCM Vino: programmi per la promozione sui Paesi terzi

OCM Vino: programmi per la promozione sui Paesi terzi

2016-10-12T15:21:42+00:0011 marzo 2016|Speciale vitivinicoltura - Marzo 2016|

È prossima l’emanazione del Bando OCM VINO per l’annualità 2016-17 per la promozione dei vini sui Paesi Terzi. Come Cia Toscana stiamo definendo con Enoteca Italiana un accordo di collaborazione per la gestione e la strutturazione di progetti promozionali da presentare al prossimo bando di finanziamento dell’OCM VINO.

11 marzo 2016 – Con questa partnership, fondata su esperienza e rappresentatività di due soggetti da sempre impegnati nel campo della promozione e della consulenza alle imprese, nasce una grande opportunità per le aziende di poter accedere ai finanziamenti dell’OCM Vino.

Per avere tempo sufficiente per la strutturazione del programma la Cia Toscana che le imprese interessate facciano pervenire la manifestazione di interesse ENTRO IL 10 APRILEe 2016 all’indirizzo ciatoscana@cia.it

Per importi finanziabili, tipologia di progetti e caratteristiche dei beneficiari si veda la nota pubblicata di seguito.

Per maggiori informazioni o chiarimenti vi preghiamo di contattare Francesco Sassoli (f.sassoli@cia.it – tel. 3483862982) oppure rivolgersi presso le sedi territoriali della Cia contattando i referenti provinciali delle attività vitivinicole.


I PROGETTI DI PROMOZIONE DEL VINO IN AMBITO OCM

È noto che l’OCM (Organizzazione Comune di Mercato) vino – misura promozione -è un intervento di politica agricola comunitaria nato per dare la possibilità ai produttori di vino di poter informare operatori e consumatori esteri circa la qualità dei nostri vini a denominazione.

La misura ha riscosso un grande successo per gli incrementi di export che in certi mercati sono stati a due cifre. Solo nell’ultimo anno la variazione dell’export di vino italiano nei mercati terzi è stata del +2,4% e questo anche dovuto alla promozione che consente, tra l’altro, anche l’utilizzo del proprio marchio aziendale.

In attesa della prossima emanazione da parte del MIPAAF e delle regioni del relativo bando, vi informiamo che, come Cia Toscana, ci stiamo ponendo l’obiettivo di predisporre uno o più programmi multiregionali o regionali o nazionale a valere sulle linee di finanziamento (ministero e/o regioni).

L’ipotesi progettuale sopra citata nasce con l’intento di una partecipazione allargata a più soggetti che possono partecipare in raggruppamento per raggiungere i propri obbiettivi. Questo in quanto la partecipazione simultanea di più imprese crea sinergie e permette, ad esempio, di poter intervenire anche in mercati di minor rilevanza per i quali il limite di spesa di 100.000€, sarebbe troppo elevato per una solo soggetto.

Sotto una sintetica descrizione di cosa nei precedenti bandi era previsto dalla misura e dei relativi vincoli di massima.


SOGGETTI BENEFICIARI

Soggetti che possono accedere sono le imprese, singole o associate, che trasformano uno o più prodotti a monte del vino e/o commercializzano vino di propria produzione o di imprese ad essa associate o da essa controllate, consorzi di tutela e forme associative di varia natura. Per l’accesso sono previsti anche dei minimi come l’imbottigliamento della loro produzione sia in termini percentuali che assoluti e la quota di esportazione. Pur essendo previsti dei parametri dal Decreto Ministeriale, le regioni possono intervenire apportando variazioni.


FINANZIAMENTO

L’entità del sostegno è pari al 50% della spesa approvata qualora venga promosso anche il proprio marchio aziendale. In caso di promozione generica il contributo può essere elevato fino all’80%. Il contributo può essere erogato anche in forma completamente anticipata previa costituzione di fideiussione pari al 120% del contributo medesimo.

Il costo complessivo minimo, per la partecipazione al progetto, ammonta a € 100.000 per Paese.


DURATA

La durata dei programmi può andare da un anno a tre anni (la scelta può essere anche vincolata dal bando regionale). Per quanto riguarda la scadenza delle attività inserite all’interno del programma occorre fare una doverosa precisazione, infatti ad oggi la durata dei programmi va da ottobre al 31 dicembre dell’anno successivo ovvero circa 14,5 mesi.


TIPOLOGIA PROGETTI

I progetti possono essere: nazionali se presentati al Ministero, riguardano la filiera vitivinicola di almeno 3 regioni; multiregionali se presentati alla Regione capofila, riguardano la filiera vitivinicola di almeno 2 regioni e sono ammissibili a finanziamento a valere in parte sui fondi riservati nella quota nazionale e in parte sui fondi di quota regionale delle Regioni coinvolte che intendono aprire il bando ai multiregionali; regionali: presentati alla Regione e sono ammissibili a finanziamento a valere sui fondi di quota regionale.

Le sovrapposizioni con altri programmi non sono ammesse per lo stesso paese. Ovvero la medesima impresa in quanto soggetto beneficiario diretto o partecipante ad un raggruppamento non può partecipare a progetti diversi per lo stesso Paese. Può invece presentare un programma anche per la medesima campagna purché in paesi diversi. Non è possibile inoltre finanziare lo stesso programma con ulteriori finanziamenti pubblici. Le azioni devono essere finanziate solamente con la misura OCM Vino Promozione e con la quota a carico della cantina non essendo ammessi ulteriori contributi pubblici.


AZIONI FINANZIATE

Le attività finanziabili con la prossima programmazione dovrebbero ricalcare quanto già realizzato in passato, ovvero:

  1. ADVERTISING (pubblicità su riviste/banner, riviste on-line/affissioni su strada ecc.)
  2. PARTECIPAZIONE A FIERE
  3. PROMOZIONE NELLA GDO E SPECIALIZZATI
  4. PROMOZIONI NEI RISTORANTI
  5. DEGUSTAZIONI GUIDATE E WINE TASTING
  6. EXPERTISE CONSULENZE DI MARKETING
  7. PRODUZIONE DI MATERIALI INFORMATIVI
  8. CREAZIONE DI SITI INTERNET
  9. INCOMING OPERATORI E GIORNALISTI

SCADENZA PRESENTAZIONE PROGETTI

La scadenza per la presentazione dei programmi dipende da quando verranno emanati i bandi, che orientativamente potrebbe essere anticipata rispetto alla seconda o terza settimana di giugno prossimo prevista nelle precedenti annualità.

Si precisa che la presente nota è stata redatta nelle more dell’ uscita del nuovo Decreto Ministeriale che potrebbe rivedere alcuni parametri generali attualmente in fase di discussione e dei relativi bandi regionali attraverso i quali potremo definire le linee di progettazione (nazionale, multiregionale o regionale).


MODALITÀ DI ADESIONE AL PROGETTO

Alla luce di quanto sopra espresso si invitano i soggetti interessati ad inviarci allegata manifestazione di interesse a partecipare al prossimo bando.

I paesi target all’interno del programma saranno definiti sulla base delle manifestazioni di interesse che ci perverranno.

Al fine di rendere operativa la presente comunicazione, vi invitiamo, qualora ci sia un Vostro interesse, a farci pervenire compilate la tabella riepilogativa delle azioni allegata e la relativa volontà a partecipare al programma.
Si precisa che la presente comunicazione e la Vostra eventuale risposta non vincola né la scrivente né le imprese alla partecipazione all’eventuale programma in fase di assemblaggio, essendo questo uno strumento di programmazione propedeutico e non esaustivo finalizzato a conoscere in via preliminare gli elementi basilari per la eventuale redazione di un programma.

Si sottolinea inoltre che tutte le informazioni che verranno da voi trasmesse verranno trattate nel più totale rispetto della privacy aziendale per la quale ci impegniamo fin da ora alla più completa riservatezza.

Per tutte le imprese che avranno manifestato un loro interesse sarà nostra cura programmare a breve giro degli incontri mirati per descrivere nel dettaglio le attività che si andranno a realizzare.

Al fine di poter avere un sufficiente tempo utile per la strutturazione del programma si richiede che le imprese interessate facciano pervenire l’allegato elenco compilato entro il 10 aprile 2016 all’indirizzo mail ciatoscana@cia.it.
Per maggiori informazioni o chiarimenti vi preghiamo di contattare Francesco Sassoli (f.sassoli@cia.it, Tel. 348 3862982) oppure rivolgersi presso le nostre sedi territoriali contattando i referenti provinciali delle attività vitivinicole.


Allegati:

  1. Manifestazione di interesse
  2. Tabella riepilogativa delle azioni

Iscriviti alla Newsletter
di Dimensione Agricoltura

L'email servirà soltanto per l'invio della newsletter periodica.
Consulta la nostra politica della privacy
.
ISCRIVITI!
close-link

Pin It on Pinterest

X