/Olio. No di Agrinsieme a “Italico” in etichetta

Olio. No di Agrinsieme a “Italico” in etichetta

2018-07-06T07:33:39+00:004 luglio 2018|

Un blend di oli comunitari non deve essere confuso con il prodotto italiano

Dopo tante battaglie contro l’italian sounding e in difesa del Made in Italy sorprende la volontà da parte delle organizzazioni firmatarie di “evocare” un’origine che non c’è. E’ questo il commento di Agrinsieme sulla questione dell’olio italico lanciata dall’accordo firmato da Federolio-Unaprol.

Agrinsieme non entra nel merito dell’accordo siglato -con la consapevolezza che la produzione italiana non riesce a soddisfare la domanda interna- ma nel preannunciato uso del nome “italico”, che fa leva su una caratteristica di provenienza che il prodotto non possiede, se non in parte.

Il settore olivicolo italiano, spesso sotto accusa -aggiunge il coordinamento tra Cia-Agricoltori italiani, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari- necessita di proposte che siano il più possibile chiare e trasparenti agli occhi dei consumatori. Questa trasparenza è fondamentale se vogliamo tutelare al meglio il prodotto realmente italiano.

Agrinsieme rimarca che, dal punto di vista della definizione della categoria di olio -ferma restando la necessità di verificare, alla luce della normativa, se la denominazione “italico” è inammissibile in quanto può indurre in errore il consumatore- il prodotto frutto dell’accordo rimane un blend di oli comunitari e come tale va indicato in etichetta, commercializzato e promosso. I consumatori meritano indicazioni veritiere e non ingannevoli.


Fonte: Cia nazionale

Iscriviti alla Newsletter
di Dimensione Agricoltura

L'email servirà soltanto per l'invio della newsletter periodica.
Consulta la nostra politica della privacy
.
ISCRIVITI!
close-link

Pin It on Pinterest

X