È uscita nella serata del 13 novembre la circolare per i pensionamenti scuola 2021. La scadenza è fissata al 7 dicembre

La domanda di pensione 2021 per il personale scolastico non presenta novità sostanziali rispetto agli scorsi anni. Il lavoratore che intende andare in pensione deve presentare la domanda entro il 7 dicembre 2020.

Quando ci si rivolge ad un ufficio del Patronato Inac in Toscana (contatti per gli appuntamenti qui) è necessario avere a disposizione queste tre cose al momento dell’inoltro della pratica:

  • LE CREDENZIALI per l’accesso al sito Istanze Online del Miur (username, password e codice personale);
  • UN CEDOLINO dello stipendio;
  • IL CODICE IBAN del proprio conto corrente.

Si può accedere al pensionamento al 1° settembre 2021 con i seguenti requisiti:

  • PENSIONE DI VECCHIAIA
    • con 67 anni di età al 31 agosto 2021 e almeno 20 anni di contributi e la risoluzione opera d’ufficio senza necessità di fare istanza online;
    • con 67 anni di età al 31 dicembre 2021 e almeno 20 anni di contributi e la risoluzione avviene su domanda dell’interessato tramite istanza online.
    • 66 anni e 7 mesi, con almeno 30 anni di contributi, per chi svolge attività gravose e addetti a lavorazioni particolarmente faticose e pesanti.
  • PENSIONE ANTICIPATA
    • uomini con 42 anni e 10 mesi di contributi al 31 dicembre 2021;
    • donne con 41 anni e 10 mesi di contributi al 31 dicembre 2021;
    • per chi compie i 65 anni di età entro il 31 agosto 2021, unitamente al requisito contributivo di 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne, opera la risoluzione d’ufficio del rapporto di lavoro e non è necessario l’invio dell’istanza online.
  • QUOTA 100
    • con almeno 62 anni di età e almeno 38 anni di contributi al 31 dicembre 2021.
  • OPZIONE DONNA
    • Ad oggi può presentare domanda solo chi ha maturato il requisito di 58 anni di età e 35 di contributi al 31 dicembre 2019. Sicuramente sarà aperta una nuova istanza nel mese di gennaio o febbraio, come successo lo scorso anno, in vista della proroga di opzione donna. Ma per fare domanda con il requisito maturato al 31 dicembre 2020 c’è da attendere che la Legge di Stabilità approvi questa modifica.

Solo per le domande di Apesociale e Precoci la domanda di cessazione dal servizio può essere fatta in forma cartacea, una volta certificato il diritto alla prestazione da parte dell’Inps.

È sempre possibile ottenere la cosiddetta pensione misto part-time, con la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno e part-time, con con contestuale liquidazione parziale del trattamento pensionistico. Gli interessati devono aver raggiunto il requisito contributivo per l’anzianità e non aver compiuto i 65 anni di età. Anche questa domanda va inviata entro il 7 dicembre 2020 tramite il canale Istanze Online del Miur.

Anche chi vuole cessare dal servizio senza diritto a pensione deve produrre istanza di cessazione tramite il canale telematico entro il 7 dicembre 2020.

Si ricorda che non è possibile essere trattenuti in servizio oltre i 67 anni di età, se non nel caso del mancato raggiungimento del requisito minimo contributivo di 20 anni. Solo il personale scolastico coinvolto in progetti straordinari internazionali possono mantenere in servizio fino ai 70 anni, previa autorizzazione del dirigente scolastico.

Per quanto riguarda la cessazione dei dirigenti scolastici la scadenza delle domande è fissata al 28 febbraio 2021, mentre ad oggi non è ancora uscita la circolare ministeriale che disciplina le cessazioni dal servizio del personale AFAM e scuole musicali, che solitamente viene redatta nel mese di gennaio.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI E PER LE PRATICHE RIVOLGERSI AGLI UFFICI DEL PATRONATO INAC IN TOSCANA, CLICCA QUI PER LE SEDI.

(Gabriele Carlotti)