Il REM “aggiuntivo” ammonta ad un importo variabile da 400 a 840 euro mensili

Il Decreto Sostegni dispone l’erogazione automatica di tre mensilità aggiuntive a chi già percepiva il Reddito di Emergenza (REM). Le tre mensilità verranno erogate su richiesta anche a quei contribuenti che hanno terminato i periodi di disoccupazione Naspi o Dis-Coll. Il REM “aggiuntivo” ammonta ad un importo variabile da 400 a 840 euro mensili.

Spetta, su richiesta, ai nuclei familiari che rispettano i seguenti requisiti: a) residenza in Italia del richiedente all’atto della richiesta; b) possesso nel mese di febbraio 2021, di un reddito del nucleo familiare di importo non superiore all’importo REM; c) possesso di un valore ISEE inferiore a € 15mila; d) patrimonio mobiliare familiare 2020 inferiore a € 10mila, incrementato di € 5mila per ogni componente successivo al primo, fino al massimo di € 20mila. Il massimale può essere incrementato di ulteriori € 5mila per ogni componente il nucleo familiare in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza; e) assenza nel nucleo familiare di componenti che percepiscono il nuovo indennizzo Covid di € 2.400 disposto dal Decreto Sostegni.

Per i nuclei familiari che abitano in un immobile in locazione, la soglia di reddito familiare di cui al precedente punto b), è aumentata di 1/12 dell’importo annuo della locazione. Sono esclusi dal REM i nuclei familiari all’interno dei quali, almeno un componente: a) è titolare di pensione diretta o indiretta; b) è titolare di un rapporto di lavoro subordinato con retribuzione lorda superiore all’importo del REM; c) è percettore del Reddito di Cittadinanza.
Non possono richiedere il REM le persone che si trovano in stato detentivo e per tutta la durata della pena, coloro che sono ricoverati in istituti di cura di lunga degenza o altre strutture residenziali a totale carico dello Stato o di altra Amministrazione pubblica.

Come citato in premessa, il Decreto Sostegni ha allargato la platea dei beneficiari del REM per tre mensilità, consentendo di ottenerlo anche a chi ha terminato di percepire l’indennità di disoccupazione Naspi o Dis-Coll nel periodo primo luglio 2020/28 febbraio 2021 ed ha un valore ISEE non superiore a € 30mila. La domanda deve essere presentata entro il 30 aprile 2021.

Il richiedente deve rispettare i seguenti requisiti: a) non deve aver ottenuto l’indennizzo Covid di € 2.400 previsto dal Decreto Sostegni; b) non deve essere percettore del Reddito di Cittadinanza; c) al 23 marzo 2021, non deve essere titolare di un contratto di lavoro subordinato o di un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa; d) non deve essere titolare di una pensione diretta o indiretta. (c.t.)


PER MAGGIORI INFORMAZIONI E PER L’ASSISTENZA NELLA RICHIESTA RIVOLGITI ALLE SEDI CIA IN TOSCANA: www.ciatoscana.eu/uffici


Tratto da Dimensione Agricoltura n. 4/2021