di Alessandra Alberti


Come è noto, dal 2018 vige l’obbligo di effettuare analisi di laboratorio per Xylella fastidiosa prima di commercializzare alcuni tipi di piante oltre a ispezioni sulle altre piante sensibili al batterio.

Le analisi vengono effettuate dal Servizio fitosanitario della Regione Toscana su richiesta delle aziende vivaistiche.
Da quest’anno, cambia la modalità di richiesta tramite una procedura online e l’utilizzazione di un nuovo servizio telematico.

Questo consente di facilitare e rendere più rapida la presentazione di istanze e comunicazioni agli uffici da parte degli operatori professionali e di tutti i soggetti interessati dalla normativa fitosanitaria. La nuova modalità viene attivata per la presentazione delle richieste di ispezione di un sito produttivo, per confermare che è indenne dal batterio Xylella fastidiosa.

Le ispezioni riguardano:

  • le piante destinate all’impianto delle specie Olea europaea, Nerium oleander, Polygala myrtifolia, Prunus dulcis, Lavandula dentata e Coffea, risultate periodicamente infette dall’organismo specificato, che per poter essere spostate all’interno dell’Ue devono essere state soggette ad almeno una ispezione annuale;
  • le piante destinate all’impianto delle specie ospiti del batterio, che sono state coltivate in un sito soggetto a un’ispezione ufficiale annuale e, qualora siano presenti sintomi dell’organismo specificato, a campionamento, tenendo conto degli orientamenti tecnici per le ispezioni di Xylella;
  • ogni lotto di piante destinate all’impianto di Poligala myrtifolia, anteriormente al suo primo spostamento al di fuori del sito di produzione, che deve essere spostato all’interno dell’Unione che devono essere sottoposte ad una ispezione visiva ufficiale e ad un campionamento il più vicino possibile al momento dello spostamento.

Per la richiesta telematica di ispezione, è necessario accedere all’indirizzo internet: http://fitosirt.regione.toscana.it/mod_fitosirt_servizi

La scadenza per l’invio delle richieste è il 31 luglio 2020, per eventuali richieste successive a tale data si prega di contattare il Servizio fitosanitario.