L’ultimo episodio a Roma, coinvolto persino un neonato. In Italia fuori controllo quasi 2 milioni di capi

L’incidente di Spinaceto a Roma, dove un papà e suo figlio di 20 mesi sono stati aggrediti da un branco di cinghiali, è solo l’ultimo di una lunga serie di episodi drammatici con protagonisti gli animali selvatici, che dimostra l’urgenza di intervenire su una questione ormai fuori controllo. Lo afferma Cia-Agricoltori Italiani, rilanciando la sua proposta di modifica alla legge 157/92 che regola la materia, su cui è mobilitata anche attraverso il progetto “Il Paese che Vogliamo”.

Una riforma radicale, già presentata a Camera e Senato, nata dopo il sostanziale flop delle misure tampone adottate negli ultimi anni -spiega Cia-. Il proliferare dei cinghiali, passati da una popolazione di 900 mila capi in Italia nel 2010 ai quasi 2 milioni di oggi (+111%), crea danni milionari all’agricoltura (circa 50-60 milioni di euro l’anno), e non solo. Aumenta il rischio di malattie, provoca incidenti stradali sempre più frequenti e minaccia la sicurezza dei cittadini anche nelle aree urbane.

— PUBBLICITÀ —

Per questo è necessario riscrivere e aggiornare la legislazione sulla fauna selvatica, ormai obsoleta e totalmente carente sia sul piano economico che su quello ambientale.

Per invertire la rotta, la proposta normativa lanciata da Cia conta sette punti chiave: sostituire il concetto di “protezione” con quello di “corretta gestione”, parlando finalmente di “carichi sostenibili” di specie animali nei diversi territori, tenendo conto degli aspetti produttivi, ambientali e turistici; ricostituire il Comitato tecnico faunistico venatorio, presso la Presidenza del Consiglio dei ministri; distinguere le attività di gestione della fauna selvatica da quelle dell’attività venatoria, garantendo l’effettiva partecipazione del mondo agricolo a tutela delle proprie attività; non delegare all’attività venatoria le azioni di controllo della fauna selvatica, ma prevedere la possibilità di istituire personale ausiliario; rafforzare l’autotutela degli agricoltori; garantire agli agricoltori il risarcimento integrale del danno subito; assicurare un efficace controllo e un’adeguata tracciabilità della filiera venatoria.